Castello su collina verde con steccato e cielo azzurro sullo sfondo

Castelli e fortezze della Val Pusteria

In Val Pusteria trovate moltissimi castelli e fortezze, dalla storia lunga e travagliata. Questi antichi manieri sono immersi nel bellissimo paesaggio alpino, circondati da alte vette e dalle splendide Dolomiti. Una vacanza in Val Pusteria non può certamente dirsi completa senza una visita a questi splendidi luoghi.

Castel Tures (Valle Aurina)

Castel Tures si trova nei pressi di Campo Tures, in Valle Aurina. Si trova in posizione sopraelevata sopra il paese, circondato dalle bellissime montagne della valle. I proprietari più famosi, che hanno dato il nome al castello, sono stati i Baroni di Taufers, che entrarono in possesso della fortezza nel XII secolo. Nel XIV secolo, alla fine, la stirpe dei Taufers scomparve e il castello passò per numerose mani, cadendo in rovina col tempo. Nel XX secolo ci furono numerosi interventi di restauro e nel 1977 divenne di proprietà dell’Associazione dei Castelli dell’Alto Adige. La travagliata storia del castello si evince anche dalla convivenza di numerosi stili architettonici, come il romanico e il gotico. Oggi il castello è in larga parte visitabile e vi vengono organizzati numerosi eventi.

Castello di Casanova (Valle Aurina)

Il Castello di Casanova (Neuhaus) si trova a Gais, in Valle Aurina. Fu costruito nel XIII secolo dai signori di Taufers e divenne successivamente proprietà dei Conti di Tirolo. Nel XVII secolo il castello fu adibito a “Pflegerhaus” (rifugio) e nel XX secolo fu finalmente sottoposto a restauro. Il castello fu dimora del grande poeta Oswald von Wolkenstein, che qui scrisse “Jetterin von Lanebach”, uno dei suoi capolavori. Durante la Seconda Guerra Mondiale nel castello dimorò Ezra Pound, con la sua famiglia. Oggi presso il castello si trova un ristorante, ed è facilmente raggiungibile dal paese attraverso un sentiero nel bosco.

Castello di Brunico (Plan de Corones)

Il Castello di Brunico fu costruito dal Principe Vescovo di Bressanone Bruno von Kirchberg, che diede anche il nome alla città capoluogo della Val Pusteria. Il castello è stato dimora di molti Principi Vescovi durante i secoli, ognuno dei quali ha ampliato o restaurato la fortezza secondi i propri gusti personali. Nel 2011 il Castello è diventato sede del quinto MMM (Messner Mountain Museum), il museo della montagna, denominato Ripa. Questo museo è interamente dedicato ai popoli della montagna del mondo e ai loro diversi stili di vita e di adattamento all’ambiente di alta quota.

Castello di San Michele (Plan de Corones)

Il Castello di San Michele si trova a San Lorenzo di Sebato, nei pressi di Brunico. È stato costruito nel lontano XI secolo, in stile romanico, ma non è comunque la fortezza più antica della valle. Dopo la nascita della città di Brunico, i Conti di Gorizia puntarono molto sul Castello di San Michele e sul paese di San Lorenzo di Sebato, nel tentativo di contrastare la crescita di Brunico. Il Castello di San Michele è stato anche a lungo luogo di detenzione e di esecuzione, dove si amministrava la legge dei Conti di Gorizia. Oggi il Castello è di proprietà privata.

Castel Herbstenburg (Alta Pusteria)

Castel Herbstenburg si trova a Dobbiaco e fu acquistato nel  XVI secolo da Kaspar e Christoph Herbst, due fratelli, che diedero il loro nome alla fortezza. Il castello ha ospitato più di una volta, nel 1508 e nel 1511, Massimiliano I d’Asburgo, Sacro Romano Imperatore di Germania e Conte del Tirolo. Oggi il castello è di proprietà della famiglia Bossi-Fedrigotti e non è visitabile, se non dall’esterno.

Castel Rodengo (Gitschberg Jochtal)

Castel Rodengo si trova a poca distanza da Rio di Pusteria, all’inizio della Val Pusteria. Il castello fu costruito nel XII secolo da Friedrich I von Rodank. Nel XVI secolo passò nelle mani della famiglia originaria del famoso Oswald von Wolkenstein, che lo restaurò e lo ampliò. I discendenti di questa famiglia sono ancora proprietari del castello. Nel castello si trova un museo aperto al pubblico, mentre un’altra parte è ancora abitata. Nel XX secolo fu scoperto un ciclo di affreschi medioevali risalenti al XIII secolo che narrano la storia di Iwein, un cavaliere.

Chiusa di Rio di Pusteria (Gitschberg Jochtal)

La Chiusa di Rio di Pusteria fu costruita nel XII secolo dai signori di Rodengo che la cedettero poi ai Gorizia. Quando i figli di Mainardo I di Tirolo-Gorizia si divisero i territori del padre, la chiusa divenne dogana di confine. Nel XV secolo la Chiusa fu ampliata, ma nel 1809 fu gravemente danneggiata dall’esercito francese, e da allora è in rovina. Nel XX secolo, dopo lo spostamento della strada fuori dalle mura, la fortezza venne restaurata. La torre più alta è la Kaiserturm (Torre dell’Imperatore), dove soggiornò Massimiliano I, Sacro Romano Imperatore di Germania e Conte del Tirolo. Nei pressi del castello si trova una lapide che commemora il battesimo di fuoco dei Kaiserjäger (Cacciatori Imperiali) tirolesi.