Tre Cime di Lavaredo con nuvole scure sullo sfondo Alpinista di spalle in piedi su cima guarda Dolomiti e nuvole sullo sfondo Coppia con tenda e sacco a pelo guarda tramonto all'orizzonte con Dolomiti sullo sfondo Tre Cime di Lavaredo in lontananza con cielo azzurro e luce crepuscolare Uomo seduto su sdraio si gode il panorama delle Dolomiti sullo sfondo Donna seduta su rocce tra due cime dolomitiche con cielo azzurro e montagne avvolte da nuvole sullo sfondo

Le Dolomiti della Val Pusteria

Le Dolomiti, come quelle della Val Pusteria, sono montagne uniche al mondo. Infatti, si trovano soltanto nell’arco alpino, precisamente tra l’Alto Adige, il Trentino e le province di Belluno, Udine e Pordenone. Sono il risultato dell’accumulo di conchiglie, coralli, alghe e altre rocce sedimentarie ricche di calcare che poi sono state elevate a volte oltre i 3000 metri di altezza dallo scontro delle placche europea ed africana. Fino a 20 milioni di anni fa l’intera zona delle Dolomiti era costituita da atolli corallini, non dissimili dalle attuali Bahamas.

Le Dolomiti sono state chiamate così dal naturalista francese Déodat de Dolomieu, il primo a studiare la roccia costitutiva di questi monti. Questa roccia fu battezzata dolomia, ed è ricca di un minerale chiamato dolomite. Le Dolomiti sono anche chiamate Monti Pallidi, in seguito a una leggenda che racconta come i leggendari abitanti del luogo abbiano intessuto queste montagne con la luce della luna.

Dolomiti di Sesto

Le Dolomiti di Sesto sono il gruppo dolomitico nordorientale. Sono delimitate dalla Val Pusteria a nord, dalla Valle di Landro a ovest, e dalla Valle d’Ansiei a sud. Le cime più famose delle Dolomiti di Sesto sono sicuramente le Tre Cime di Lavaredo, la più alta delle quali raggiunge i 2999 metri d’altezza. Le Tre Cime di Lavaredo sono diventate un simbolo non solo delle Dolomiti, ma anche dell’Alto Adige e stupiscono grazie alla loro maestosità. Altre cime degne di nota sono il Monte Paterno, la Cima Una, la Cima Tre Scarperi e la Cima Nove. In questo gruppo dolomitico si trovano anche molti rifugi alpini, il più famoso dei quali è sicuramente il Rifugio Antonio Locatelli.

Dolomiti di Braies

Le Dolomiti di Braies sono delimitate dalla Val Pusteria a nord, dalle Val Badia a sud-ovest e dalla Valle di Landro a est. La cima più alta è la Croda Rossa d’Ampezzo, che raggiunge l’altezza di 3148 metri. Altre cime famose sono la Croda del Becco, la Piccola Croda Rossa, il Picco di Vallandro e il Sasso del Signore. Le Dolomiti di Braies sono attraversate dalla Valle di Braies, una piccola valle laterale della Val Pusteria. La Valle di Braies termina con il famoso lago di Braies, uno dei più belli dell’arco alpino. Degno di nota e meritevole di una visita è anche Prato Piazza, un altopiano a 2000 metri dal quale si può godere di una vista stupenda sulle Dolomiti di Braies, all’interno del Parco Naturale di Fanes Senes Braies.